Category Archives: Uncategorized

Tango Argentino: A Pocket ‘Breviary’ For Its Dancers

Tango Argentino

Patricia Muller

buy buy in epub format
buy buy in PDF format
buy buy in Amazon Kindle format

buy printed copy

Preview

In this book, we discover the code of honour of the ‘porteÒos’ dancers of the Tango Milonguero, who have remained ‘uncontaminated’ by the tourism surrounding the Tango, the major part of whom are more or less 70-80 years old. Their behaviour reflects concepts that were already spoken of in ancient China! Let’s discover them together by following in the footsteps of the Chinese philosopher, Lao Tse, and of los Viejos Milongueros. You will surely be astonished by what you discover!

Books and ebooks in English.

Yo quería bailar. Carlos Gavito, vida, pasión y tango

yo-queria-bailar-ricardo-plazaola

Ricardo Plazaola

120 páginas, 35 fotos color

Formato epub
Formato Amazon Kindle

CARLOS EDUARDO GAVITO (27-4-1943 – 1-7-2005) nació en La Plata (capital de la provincia de Buenos Aires) y vivió de chico en Avellaneda (al sur del Gran Buenos Aires) y de grande en el mundo entero. Viajó durante más de 40 años y conoció más de 90 países, hablaba perfectamente en inglés, italiano, francés y portugués, y se hacía entender en alemán, ruso y japonés: nadie como él más universal pintando su aldea.

Comenzó a bailar poco después de empezar a caminar, y no paró más: tango, rock, folklore, tropical, swing, arriba y abajo de los escenarios, no dejó ritmo ni formato por conocer y explorar. Con los años, fue encontrando su lugar y, finalmente, su propio tango, ese estilo absolutamente único que le dio la fama.

A mediados de los 90, su renombre internacional rebotó a Buenos Aires con su consagración en la compañía Forever Tango y a partir de allí se hizo dueño y señor de las milongas porteñas. En el prólogo a la primera edición en español, Julio Fernández Baraibar decía que una milonga a la que asistía Gavito se transformaba “en una milonga debute, importante”, y cuando Gavito salía a bailar “la pista se convierte en otra cosa”.

La vida de este bailarín absolutamente distinto (“bailarín inmóvil”) es un sinnúmero de historias curiosas –cuando no asombrosas–, es una estadística de cifras sorprendentes. Algunas cifras quedarán para el asombro y la imaginación: cuántas veces dio la vuelta al mundo, cuántas mujeres abrazó en las pistas, cuánta gente se emocionó con la precisa delicadeza de sus pasos. Y otra cuenta aún: cuántos, de entre esa gente, cuando lo vieron, decidieron ese día que querían bailar el tango.

A Gavito la vida le mezquinó los pocos años que le hubieran faltado para convertirse en una figura de fama. Pero algunos videos y libros como éste se encargan de asegurar su presencia en el paraíso del tango. A cinco años de su muerte, esta nueva edición del libro de Plazaola se edita precisamente en el año en que la Argentina inicia su camino hacia el tricentenario.

RICARDO PLAZAOLA (4-2-51) hizo una exitosa carrera en periodismo, que comenzó a mediados de los años 70 en el rápidamente clausurado diario La Calle. Luego colaboró en revistas, como Goles –que lo llevaban a las canchas de fútbol que tanto quiere– y Siete Días, y otras de vida más breve.

Formó parte de las redacciones que inauguraron los diarios Tiempo Argentino (en su primera época, y al que acompaño hasta su cierre en 1986) y Página 12. Sin tomarse descanso, pasó a radio Mitre, donde fue jefe del Servicio Informativo durante 12 años, y culminó haciendo televisión en el noticiero de Canal 9).

Cuando lo atrapó el tango, escribió notas y colaboraciones sobre el baile y diseñó y condujo durante tres años el programa de radio “Bailo tango”, dedicado específicamente al mundo de las milongas.

En la actualidad –además de seguir en el mundo del tango– es docente de la escuela TEA de periodismo, participa del programa radial “Viaje de Ida” como co-conductor y columnista de tango y es asesor en temas de comunicación.

Gavito8revisión

Comenzó bailando rocanrol, anduvo remontando de las caderas a numerosas coristas en varios teatros de revistas, amenizó show internacionales for export -incluso- con ropa gaucha y zapateo, pero sobre todo el tango. Fue el milonguero más elegante -acaso Portalea le discutiera el lauro- de las últimas décadas, cuando la danza del abrazo renació desde reductos mínimos, decadentes y familiares para volver a pisar firme en el mundo. Mañana hubiera cumplido 65. Murió hace tres y Ricardo Plazaola escribió su historia, que acaba de salir, con mano precisa. Se titula Yo quería bailar. Carlos Gavito, vida, pasión y tango, y ya hay tratativas para traducciones al francés y al italiano, donde había generado más que alumnos adeptos fanatizados.

“Lo seguí los últimos años, cuando el cáncer de pulmón lo acechaba y él se iba de gira o llegaba a la milonga como si nada y prendía un cigarillo y se producía un silencio conmovedor entre las mesas”, recuerda Plazaola. El libro cuenta la historia del bailarín felino, sinuoso y lento, que sigue provocando copiones sin gracia en los salones porteños. Había nacido en La Plata y vivió de chico en Avellaneda: más de 90 países recorridos en cuatro décadas tangueras. El texto, íntimo pero no solemne, describe y a veces -como en el capítulo Sin Ancla- utiliza la cercanía del relato de la segunda persona para acercarse al bailarín inmóvil, como lo define en el prólogo Julio Fernández Baraibar. “Una milonga a la que cae Gavito se convierte en una milonga debute, importante, con chapa”, puede leerse, en el arranque del libro.

Organizaba bailes a los 17 años, desayunó con reyes de Africa y de Asia, incentivó a locales y extranjeros en el tango y eran muchos los que, como dice la contratapa de Yo quería bailar, que salían a la pista después de verlo. En las clases, era contundente. “¿Le marco o no le marco a la mujer esta sacada?”, le preguntó un principiante, en un salón de Boedo. Hizo bajar la música. “A la mujer, en la pista, yo le marco hasta el momento de pestañear”, dijo, Gavito, teatral y definitivo.

El Canal Solo Tango sigue pasando esas clases. Un estilo propio, fundado a partir de un consejo -cuenta Gavito y escribe Plazaola- del viejo Márquez, de Pompeya. “Una vez yo estoy pasando delante de él, que está sentado, y me tira del saco y me dice: Pibe, al tango hay que esperarlo. Tres años después, me lo encuentro bailando en Almagro. Me acerco y le digo: Maestro… El me ataja y me dice: ¿Venís a preguntar qué hay que esperar?. Me quedé helado. Que la música te llegue a vos, no la corras”.

Libros y ebooks en español

Tango Argentino in Buenos Aires

Tango Arg. in Buenos Aires x web

36 Strategien um Glücklich zu Tanzen

Patricia Müller

buy kaufen in ePub-Format
buy kaufen in PDF-Format
buy kaufen in Kindle-Format

gedruckte Buch kaufen

Preview

ShenBooks
Bücher für Körper, Geist und Seele, die subtile Linie, die sie teil und vereinigt

Strategien, Übungen und Ratschlage um immer glücklich Tango zu tanzen. egal ob in Buenos Aires oder anderswo. Dieses Buch ist eine Liebeserklärung an den Tango, speziell an jene Traditionen, die bald verschwinden, wenn wir sie nicht lebendig halten. Patricia Müller stellt uns den Tango vor, in dem sie über seine historische Entwicklung, Persönlichkeiten und wichtigen Plätzen in Buenos Aires nachforscht. Sie erzählt wie Indios, afrikanische Sklaven, spanische Kolonisten und europäische Emigranten diesen Tanz entwickelten. Dazu gibt sie ambitionierten Tänzern Tipps und lehrt mit einfachen und praktischen Übungen den Körper zu kräftigen und ihn auch zu entspannen, zu tanzen indem man eine Einheit mit dem Partner wird und unsere Emotionen zu akzeptieren. Man lernt wie man eine ‘gute Figur‘ im Tanzsaal macht und wie man in richtiger Art und Weise die Regeln und Rituale des Tangos interpretiert.

Tango ist ein Tanz, der anspricht und uns mitreißt: Körper, Geist und Emotionen, egal ob wir zuschauen oder ihn tanzen, egal ob wir ihn lieben oder ablehnen. Tango klopft in deinem präzisen Moment an eure Tür: habt keine Angst und scheut nicht davor zurück!

‘Man fühlt sich bei der Entdeckungsreise des Tango an der Hand genommen. Jetzt gibt es keine Geheimnisse mehr. Buenos Aires wartet auf uns!’ Chiara Scozzari, Tangotänzerin seit ’98

Seit ihrer Kindheit erhielt Patricia Müller eine ausführlich Erziehung in Tanz und Musik und ab 1977 begann sie ihre Ausbildung in asiatischen Bewegungstherapien. Ab 1988 ist sie Co-Leiter der florentinischen Schule Ki Dojo und unterrichtet dort seit 1996 den Milonguero Apilado Stil (auch Tango de Salón Apilado genannt). 1996 erschien ihr erstes Buch ‘Pratiche Taoiste‘ (Taoistische Künste) gefolgt von weiteren zu taoistischen und Tangoargomenten.

Bücher auf Deutsch

Lezioni di tango. Raccontate da una principiante

LEZIONI DI TANGO copertina solo fronte

Anna Mallamo

buy compera in formato epub
buy compera in formato PDF
buy compera in formato Kindle

compera il libro stampato: $39.00 + spedizione

Preview – Assaggio di lettura

I tremori e le incertezze, le folgorazioni e le palpitazioni attraverso cui passano tutti i principianti della danza più bella del mondo, non a caso dichiarata “Patrimonio culturale dell’Umanità” dall’Unesco, sono raccontati con uno stile ironico ma appassionato attraverso 16 lezioni – a metà tra diario intimo e bozzetto sociale – che toccano tutti gli aspetti, le convenzioni e le “regole” del tango.

Un universo affollato e passionale, divertito e divertente in cui s’affacciano tanti protagonisti: grandi maestri (le lezioni sono interrotte da gustose “cortine” nelle quali sono descritti alcuni dei più popolari e amati dai tangueri) e volenterosi allievi, «principianti e avanzati, principesse e prestatori d’opera, artigiani e michelangeli, principi e ranocchi, cesellatori e guastatori, caballeros e seguidore».

Un libro che smentisce il luogo comune – alquanto sgradito ai tangheri – secondo cui il tango «è un pensiero triste che si balla»: semmai, il tango secondo Manginobrioches è «una danza felice che si pensa».

Recensione “El Tanguero”:

Venticinque racconti che si leggono d’un fiato scritti da Anna Mallamo in arte “Mangino Brioches” in cui ritroviamo esattamente tutte le vicissitudini di una “principiante” alle prese con le sue prime Lezioni di Tango.

In fondo siamo tutti “principianti irrimediabili, faremo tutti prima o poi un passo falso che ci farà sembrare gorilla o betoniere, azzarderemo un gancho che andrà a buon fine dentro l’abbraccio di qualcun altro, colgheremo e volcheremo con sprezzo del pericolo e pure dell’estetica”.

Divertente, brioso, ironico ma appassionato ogni capitolo racconta una lezione di tango, una milonga, una cortina apprezzando la verità delle emozioni e la forza della scrittura.

Un esame, attraverso le parole, del comportamento del corpo alle prese con un mondo nuovo fatto di passi lunghissimi! Un libro per  tutti ,”principianti e avanzati, principesse e ranocchi, cesellatori e guastatori, adoni e sarchiponi, caballeros e seguidore…” raccontato da una scrittrice affamata di tango secondo cui il tango “non è un pensiero triste che si balla” ma secondo Manginobrioches è “una danza felice che si pensa”.

Alcuni racconti del libro, edito da Città del Sole Edizioni, e da Enrico Massetti in versione ebook, sono riportati sul blog di Anna manginobrioches.splinder.com che vi consigliamo di andare a sbirciare, davvero bello!

Recensione blog Dr. Zero

Ti piace? Ballalo!

lunedì 25 novembre 2013

Recensione: Lezioni di tango raccontante da una principiante, di Anna Mallamo “manginobrioches”

Il tema dell’evoluzione personale, il faticoso evolversi da uno stato di inadeguatezza verso una perfezione grazie alla quale sarà finalmente possibile vedere risultati dell’impegno profuso, è un tema ricorrente in tutte le culture umane. Dal mito al cinema, dal materiale favolistico alla letteratura colta, il protagonista deve sempre affrontare una serie di prove, misurarsi con la sconfitta, affinare via via le proprie capacità fino alla risoluzione finale che apre ad un nuovo equilibrio finalmente stabile.

Angela Mallamo, in Lezioni di tango raccontante da una principiante, gioca abilmente con le convenzioni del genere proponendo la trasposizione letteraria della propria esperienza di ballerina alle prime armi. Il lettore è guidato così attraverso un campionario di momenti ed esperienze che sono stati familiari a chiunque: il doloroso confronto con i praticanti più abili, lo spazio della milonga con i suoi codici a volte crudeli, il rapporto con le proprie scarpe da ballo vissute come entità senzienti, vero e proprio topos della letteratura femminile sul tango ormai ampiamente esplorato. Se si limitasse a questo il libro sarebbe poca cosa, un esempio più che decoroso di letteratura autobiografica.

L’aspetto più interessante è invece il ribaltamento consapevole di quella struttura narrativa delineata all’inizio. La vicenda – per usare le stesse parole della Mallamo – è infatti quella di un “eterno principiantato”. Non c’è un lieto fine o almeno la prefigurazione di una nuova realtà, dove le angosce e i turbamenti saranno finalmente risolti in una visione serena, stabile e rassicurante, ma nemmeno una totale chiusura di ogni speranza in un nebuloso presente, dove si è condannati ad una sorta di autistica coazione a ripetere i medesimi errori.

Al contrario, proprio l’incertezza e il dubbio sono la condizione necessaria  per mantenere uno sguardo incantato sul mondo. Stupirsi di qualcosa, anche se non si è capaci ancora di riprodurla, non è forse potentemente vitale? Di cosa mai ci si potrebbe meravigliare, se tutto è ormai incasellato in un ordine prevedibile che non lascia spazio al nuovo?

Il messaggio viene proposto al lettore con una scrittura morbida e serena che si snoda delicatamente in una serie di brevi capitoletti dove la vita della principiante di tango viene trasposta in modo lirico, a tratti sognante. Molta della suggestione viene da un’ambientazione meridionale, spesso evocata da periodi attentamente costruiti: “un solo filo luccicante che attraversava tutta la notte”, “capriole nel cielo e scirocchi” oppure “un tango greco, straziante e con gli angoli avvolti nel ferro filato”.

Descrizioni di ambienti, sapori, odori e situazioni che rimandano ad repertorio di carnalità mediterranee, che in qualche caso ricordano da vicino certi accostamenti di Battiato. Il testo si legge volentieri anche per il sottile citazionismo che allude con eleganza ai classici del liceo (i “vestimenti leggeri” di D’Annunzio) o strizza l’occhio ad un “dopobarba verde come una milonga”, con esplicita allusione alle canzoni di  Paolo Conte.

*        *       *

Ad un livello profondo, il messaggio proposto dal libro è quasi paradossale: amare teneramente i propri difetti e accudire con tepore materno i propri limiti non è solo possibile, ma addirittura doveroso. Se infatti la perfezione resta un ideale astratto e indifferenziato, condiviso a livello sociale, sono proprio le nostre im-perfezioni a parlare compiutamente di noi, a dire esattamente chi siamo o chi non siamo, a dare corpo e sostanza al nostro stare al mondo assieme agli altri. Così l’autrice:

“Non troverete traccia, in queste pagine, delle “gallerie degli orrori tangueri”, i tipi da milonga, i bestiari che pure sono così divertenti a bordopista. E’ una scelta etica, equa e solidale: siamo tutti principianti irrimediabili […] è il mondo del tango a farci umani, troppo umani.”

Se la scelta di misurarsi con chi sta più in alto è di solito la premessa di corrosive manifestazioni di invidia, il mettersi a confronto con chi si trova in una posizione inferiore induce per altro la superbia, il compiacimento di sé o la sterile tracotanza. La consapevolezza reciproca delle proprie manchevolezze disegna invece una maglia di legami orizzontali che ci solleva dall’angosciosa rincorsa di una perfezione che spesso esiste solo nella nostra testa, ma soprattutto libera dall’ingiunzione perentoria della felicità a tutti i costi, un velenoso tratto distintivo delle società moderne.

Il libro induce a considerare quanto vi sia di inautentico e disumano in ogni proposta che prometta di sradicare qualsiasi esperienza sgradevole dalla nostra vita, magari anche solo valutando con occhio più indulgente il famigerato “rosso badante”, allusione ad improbabili colorazioni di chiome altrui,  spesso usata con un senso di divertita superiorità. Un modo di dire che svela d’incanto la nostra insospettabile capacità di cogliere al volo la differenza tra ciò che si vorrebbe essere e ciò che non si è, tra la realtà e le sue cesellate rappresentazioni che mettiamo in scena a nostro uso e consumo, illuminandoci per altro sulla loro ardua ricomposizione.

La soluzione, sembra dirci la Mallamo è un invito a considerare con occhi benigni questo scarto altrimenti insopportabile, trasformandolo in un fenomeno evolutivo. Ma tutto ciò passa attraverso una rivalutazione del termine ‘principiante’, spesso associato ad una sfera negativa: “roba da principianti!”, è infatti l’esclamazione tipica quando ci imbattiamo in qualcosa di impreciso, malfatto o dilettantesco, lontano da uno standard soddisfacente.
Ma principiante, in senso strettamente etimologico, è esattamente chi principia, chi da inizio a qualcosa che prima non esisteva. Proprio il momento dell’inizio porta con sé nuovi mondi, apre molteplici futuri e rende possibile il  dispiegamento di potenzialità non ancora attuate. L’essere agli inizi di qualcosa ha dunque una promessa di futuro e porta con sé una speranza gentile di vita da compiersi. Direste voi che una gemma di marzo è solo una rosa principiante?

Cosa è piaciuto:

  •  fine e innovativa capacità di analisi
  • qualità stilistica e raffinatezza espressiva
  • efficace ribaltamento dei meccanismi narrativi consueti

Cosa non è piaciuto:

  •      nulla

Il giudizio in una riga: raffinata ed elegante trasposizione di un’esperienza autobiografica, ricca di riflessioni stimolanti.

Recensione: LIBRIC-À-BRAC / DUE

  • Posted on 2 gennaio 2011 di UtoFia

“Chiamatemi Ismaele, ho bisogno di parlargli.”

Se Lezioni di tango (raccontate da una principiante) è “solo” un libro sul tango, Moby Dick è “solo” un libro sulla pesca. O sulla caccia. O sulle balene.

Ma che bella apertura. Dunque, che cos’è?

È, esattamente come Moby Dick, un libro su un’ossessione e ─ ancora come Moby Dick ─ su una passione. Non l’ossessione per il tango (come devo dirvelo?) bensì quella per la bellezza, che, Anna Mallamo lo crede profondamente, sola potrà forse salvare il mondo.

Procuratevi questi racconti (non è impossibile: che la distribuzione in Italia ─ e non solo ─ sia il vero grande cappio al collo della piccola e media editoria, e hai voglia a far fiere, è vero: che però i piccoli e medi editori si stiano sempre più attrezzando per arrivare a chi legge lo è altrettanto.

Andate qui ed è fatta), procuratevi questi elenchi di sostantivi aggettanti come contrafforti nella cattedrale delle parole. Non troverete nessuna qualità in queste pagine, dunque nessun difetto, solo materia ─ solo? ─ solo sostanza ─ sola? ─ solo materia impura e un ago di pazienza con dita mille volte punte. Scoprirete come la figura del tango diventi figura del discorso, ogni ocho un’anafora, ogni abbraccio una sineddoche.

“La vittoria dei mulini a vento è da considerarsi provvisoria”, ha scritto a suo tempo l’editore di Lezioni di Tango, e ancora “il tango [non] «è un pensiero triste che si balla», semmai […] «una danza felice che si pensa»”.

Ce n’è, qui, di pensiero: ce n’è, qui, di felicità, una felicità di scrittura che si dipana in modo così naturale da non lasciarci scelta se non quella di ripetere che qui di naturale non c’è niente, nemmeno una virgola. C’è ribellione, piuttosto, e resistenza al brutto che c’impiastra e ci stritola e allora noi sgusciamo, oplà, leggiamo un altro finale e un altro ancora, assistiamo a una trasformazione e a un’altra ancora.

Cenerentola diventa una donna, Cenerentola diventa ciò che è. Un vecchio trova la grazia che possiede. La città si arrende, anche solo per qualche ora, all’anarchia (ché il tango è anarchia in otto passi). I nazitango avanzano ma li si ferma con un traspié. Il cinismo resta fuori da queste pagine, il dito indica pervicacemente la luna: perché per cambiarlo, il mondo, bisogna prima sognarlo come lo si vuole, e Anna Mallamo questo racconta, il mondo come sarebbe se, perché lo dico da una vita che con i se non si fa la storia ma le storie sì, e lei questo fa, prende i se e li capovolge, prende i però e li moltiplica, prende l’ipotesi e la rovescia come un guanto, la adorna di tesi e di antitesi ma al posto della sintesi ci mette un inchino e un invito, e il ballo ricomincia perché, semplicemente, non è mai finito. Mai, e che mille abbracci fioriscano.

Libri di Tango in italiano.

Tango Argentino a Buenos Aires

Tango Arg. a Buenos Aires ita cover

36 stratagemmi per ballarlo felicemente

Patricia Muller

buy compera in formato epub
buy compera in formato PDF
buy compera in formato Kindle

compera il libro stampato

Preview – Assaggio di lettura

Patricia Müller ci fa conoscere, indagando sulle situazioni storiche, sui personaggi e sui luoghi importanti di Buenos Aires, come gli indios, gli schiavi africani, i coloni spagnoli e gli immigranti europei hanno plasmato il tango e sviluppato il suo ballo. Attraverso esercizi pratici e semplici impariamo a tonificare e rilassare il corpo, a ballare facendo un tutt’uno con il partner e ad accendere le nostre emozioni. Impareremo a fare bella figura in sala da ballo e ad interpretare nel giusto modo i cenni per non restare mai più a sedere!

‘È come essere accompagnati per mano alla scoperta del tango. Adesso non ci sono più segreti, Buenos Aires ci aspetta!’ (Chiara Scozzari, ballerina di tango dal ’98)

“Tango argentino a Buenos Aires”: Un libro che descrive un’arte rara e travolgente

January 23, 2011

Nella Buenos Aires del 1820, famiglie di Italiani, Francesi, Ungheresi ed Ebrei, lavoravano in umili condizioni per assicurarsi una vita se non migliore ma almeno decente.
Tra la miseria e l’angustia degli Orilla, squallidi appartamenti costruiti dal nulla, nacque una miscela unica ed irripetibile di tradizioni etniche,  che diedero vita ad un importante processo creativo. Un processo creativo con cui esprimere la gioia, la tristezza e la voglia di evadere dai limiti imposti dalla società.
Fu cosi che,nei vicoli più poveri di Buenos Aires, nacque il Tango.

“Il tango è mistero e complessità, armonia e conflitto.
Allegria e tristezza, comunicazione e solitudine, inquietudine e ricerca.
Danza moderna per il suo rendere il corpo pensante e dialogante e perché più di ogni altra rappresenta l’uomo contemporaneo.”

Il tango è un’arte in bilico tra passato e presente, tramite cui non si smette mai di sognare. Ed è proprio questo ciò che Patricia Muller vuole esprimere con il suo nuovo libro intitolato “Tango argentino a Buenos Aires”, pubblicato dall’autore in tutte le librerie.

Passione e sentimento, sono questi i due grandi elementi che rendono il tango unico ed inimitabile. Basta ammirare grandi ballerini come Luis Castro e Claudia Mendoza, per comprendere  ciò che veramente quest’arte è: un’arte suggestiva e travolgente che comunica, con passi sicuri e carichi di grinta, il vero essere di colui che balla.

Antonia Nedelcu   giornaledelladanza.com

Libri di Tango in italiano.

Tango Zen: Walking Dance Meditation

cover-big

Chan Park

buy buy in epub format
buy buy in PDF format
buy buy in Kindle format

buy printed copy $15.00 + Shipping

Preview

Would you like to meditate while dancing Tango? Yes, Buddha can teach you to dance Tango through Zen. You might ask, “How does Tango have anything to do with Zen?”

TangoZen is an innovative yet natural way of meditating while dancing Tango. Referring to striking similarities between the two, this book will introduce methods through which Tango dancers and non-dancers can practice TangoZen to experience and enjoy the wonderful benefits, which both Tango and Zen have to offer.

Everybody knows meditation is a good thing. For example, Zen meditation, if practiced properly, can create balance, calmness, groundedness, centering, and harmony in mind and body. However, it is difficult to meditate for many reasons. Meditation is mainly practiced while sitting with legs crossed to support and ground one’s body. Unfortunately this sitting posture can create uncomfortable feelings and even pains before you benefit from the meditation practice. In addition, despite the importance of practicing meditation regularly, it can be difficult to stick to it with regularity due to the hectic life style we live every day.

Can one meditate while moving around instead of sitting down? Although it appears to be sedate and passive, Zen meditation can also be practiced in more active ways than the sitting posture. For example, walking meditation has been practiced among Buddhists since the Buddha himself practiced it. Other forms of Zen meditation in motion can also be found in sports and performing arts.

Tango is a walking dance—a special gift from Argentina to the world. Unlike the Tango images of sexy and provocative movements commonly featured in the media, Tango is a social dance that should be danced while walking. Of course, one embraces a partner and listens to music while walking. Tango dancing has the potential to positively affect various social, physical and emotional aspects of our existence. What is more, the effects and benefits of meditation are experienced and shared among avid Tango dancers.

The main goal of meditation is to discover and reconcile one’s own nature. To reach that goal, Zen teaches us to devote 100% of our attention to what we are doing Here Now. Tango is a dance of connection, uniting one and one’s partner while walking and listening to music—together. Tango can be fully enjoyed only if one completely surrenders to and connects with one’s partner, both physically and emotionally, while dancing. Therefore, once recognizing similarities and benefits of the two, one can truly unite and practice Tango and Zen. One can meditate while dancing Tango, experiencing deeper appreciation of physical, emotional, and even spiritual aspects of inner-self. That is, one can practice TangoZen: Walking Dance Meditation.

Tango, Tango, Tango. . .

Chan Park

Books and ebooks in English.

El Mamifero Tanguero

El Mamifero Tanguero

Piero Leli

Edizione bilingue (italiano-spagnolo lunfardo)
Edición Bilingüe (castellano-italiano)

buy compera in formato epub
buy compera in formato PDF
buy compera in formato Kindle

Preview – Assaggio di lettura

compera libro stampato:

Il libro “El Mamífero Tanguero”, in versione cartacea, è in vendita presso la Libreria “Ippogrifo Bookstore”, in Corso Nizza 1, 12100 Cuneo.

Vendita a distanza.
Per ordini e informazioni, inviare una mail a nizza@ippogrifo.com oppure, telefonare allo 0171/601313 e chiedere di Giampiero.
Prezzo di copertina € 8.00. Spese di spedizione in Italia con piego di libri € 5,00, pagamento con bonifico anticipato. Spesa totale € 13.00.
Spedizione e pagamento in contrassegno € 15,00.
I tempi di consegna: intorno ai quattro giorni lavorativi, dipendendo dalle poste.
I costi sono fissi per ogni spedizione, quindi ordinando più copie insieme si può “spalmare” l’onere.

ANTROPOLOGÍA DE TANGO DE ACUERDO A PROF. PEDRO PUGLIESE.

Por primera vez, tenemos datos históricos del profesor Pedro Pugliese. Desde el 2001 sus estudiados artículos sobre la antropología del tango, traducidos al inglés por Leli, informarona los miembros de la lista de correo de Tangueros italianos, al menos hasta el 2010.

Se produjeron otros artículos de la antropología del tango: ver las publicaciones en español de Susana Azzi, y se produjeron otros artículos del tango humor, muchos en la web. Esta obra bilingüe italiano y español combina los dos aspectos.

ANTROPOLOGIA DEL TANGO SECONDO IL PROF. PEDRO PUGLIESE.

Del professore Pedro Pugliese si hanno le prime notizie “storiche” nel 2001. Da allora i suoi dotti articoli di antropologia del tango, “tradotti in italiano” da Leli, hanno informato gli iscritti alla mailing list Tangueros. Almeno fino al 2010.

Altri lavori di antropologia del tango sono stati prodotti: vedi le pubblicazioni in castigliano di Susana Azzi. Altri articoli di tango humor sono stati prodotti, molti sul web. In questo lavoro, bilingue italiano e spagnolo, si fondono le due cose.

La terminologia medico-scientifica è associata a situazioni incredibili e inverosimili, giustificate dal voler amorevolmente prendere in giro quei “mammiferi” che praticano il tango argentino.

Testo dedicato a chi, pur amando profondamente il tango e la sua cultura, è disposto alla bonaria ed affettuosa ironia ed autoironia.

Pietro (Piero) Leli è un medico ginecologo che lavora in un ospedale pubblico a Cuneo. Pugliese di nascita (Bari) ha ormai vissuto più in Piemonte che nell’originaria Puglia. E’ conosciuto dai suoi colleghi prevalentemente per l’attività di divulgatore e relatore a congressi, con argomento la “Menopausa”. Attualmente è anche vicepresidente dell’Ordine dei Medici della provincia di Cuneo.

Avvicinatosi al tango argentino nel 1999, con sua moglie Michela, non se ne è più allontanato. Addirittura mostrando col tempo segni di “aggravamento”, specie dopo il primo viaggio a Buenos Aires, nel 2005. Dopo i tour de force nelle milonghe di quella città e le ultime lezioni di tango della sua vita (individuali e con insegnante donna) ha manifestato segni inequivocabili di argentinofilia. Nota la sua frequente affermazione: ” Il tango, ormai, lo ballo solo a Cuneo e a Buenos Aires”. Cofondatore e 1° presidente di FAItango, dal 2002 al 2010. Presidente dell’associazione Argentango di Cuneo, dalla sua fondazione nel 2003.

Libri di Tango in italiano.

Libros y ebooks en español

I wanted to dance. Carlos Gavito: Life, passion and tango

gavito inglese

Ricardo Plazaola

buy buy in epub format
buy buy in PDF format
buy buy in Amazon Kindle format

buy printed copy: $20.00 + shipping

CARLOS EDUARDO GAVITO (4/27/1943 – 7/1/2005) was born in La Plata, Argentina. He spent his youth in the barrio of Avellaneda (to the south of Greater Buenos Aires) and the rest of his life circling the globe.

He traveled for more than forty years and visited more than ninety countries. He spoke English, Italian, French and Portuguese fluently and could make himself understood in German, Russian and Japanese. He was a universal man who took the tango from the barrio to the world.

He began dancing not too long after he started to walk, and then there was no stopping him: tango, rock, folklore, Latin rhythms, swing. On stage and off, there was no dance he didn’t try. Over the years, he searched for his own place in the dance world, and then his own tango: the absolutely unique style that brought him to fame.

In the mid 90s, after being out of Argentina for many years, he gained international renown with the company of Forever Tango and word got back to Buenos Aires. From then on, he was an important and imposing figure in the porteño milongas. Julio Fernández Baraibar, who wrote the prologue of the first Spanish edition of this book, said that any milonga that Gavito went to became “the milonga to attend,” and that when Gavito got up to dance, “the dance floor became transformed.”

Gavito8The life of this absolutely unique dancer (“the motionless dancer”) is a never-ending list of fascinating –if not astonishing– stories and surprising statistics. Some test the imagination: the number of times he traveled around the world, the number of women he embraced on the dance floor, the number of people that were deeply moved by the grace of his steps. And perhaps another statistic: the number of those people who, when they witnessed him dance, decided there and then that they too wanted to dance the tango.

Life cheated Gavito of the few more years he would have needed to achieve the vast recognition he fully deserved. But there are videos and books like this one that will ensure his place in tango paradise. Five years after Gavito’s death, this English translation of Ricardo Plazaola’s new Spanish edition coincides with the year that Argentina is entering into its tricentennial.

RICARDO PLAZAOLA (2/4/1951) had a successful career as a journalist. He began in the mid-70’s, working for the newspaper La Calle and then wrote for magazines such as Goles and Siete Días. He then worked for the newspapers Tiempo Argentino and Página 12 and wrote the news for Radio Mitre (that he directed for 12 years) and Canal 9. He teaches in the school of journalism TEA. On the radio, he directed the program Bailo Tango [I Dance Tango] dealing specifically with the world of the milongas. When he met Gavito, his admiration was immediate. Soon after came his affection for the dancer. One day, Gavito knew that he didn’t have much time left to relate his ideas and his adventures, and thought that Plazaola was the ideal person to listen to him and to understand him. This book is the result of long conversations (“insufficient, rushed”) that Plazaola had with him in the small apartment on Lima Street where Gavito took refuge at the end of his life.

KAREN SIMON is a Canadian-trained translator, with a Ph.D in French literature. She has taught translation at McGill and Concordia universities in Montreal, Quebec and has also been teaching Argentine tango since 1992. She met Carlos Gavito in 1996 and took classes with him for several years.

Books and ebooks in English.

Tango Argentino – piccolo breviario per i suoi ballerini

tango argentino cover large

Patricia Muller

buy compera in formato epub
buy compera in formato PDF
buy compera in formato Amazon Kindle

compera il libro stampato

Preview – Assaggio di lettura

 ShenBooks

libri per il corpo, lo spirito e l’anima, la sottile linea che li divide e li unisce

In questo libro scopriamo il codice d’onore dei ballerini porteños del Tango Milonguero, non contaminati dal turismo del Tango, la cui età si aggira intorno a 70-80 anni. Il loro comportamento rispecchia i concetti di cui si parlava già nell’antica Cina! Scopriamoli insieme seguendo le orme del saggio Lao Tse e de los Viejos Milongueros. Rimarrete sicuramente sorpresi!

 

L’unione fra elemento maschile e femminile è la danza più antica del mondo. Leggere il Tango Apilado attraverso la via del Tao è un viaggio alla scoperta di noi stessi e del legame profondo che ci unisce al nostro partner.

Laura Berni, dott.ssa conservazione materiale librario

 

Il Tango e il T’ai Chi Chuan sono arti del corpo che si fondono e si confondono apprendendo il senso di equilibrio e di totalità che il T’ai Chi Chuan insegna e che il Tango esige. La consapevolezza dei movimenti derivante dalla pratica del T’ai Chi Chuan si unisce in modo naturale nell’abbraccio del tango, rendendo il tutto ancora più magico.

Chiara Scozzari, Dott.ssa Scienze agrarie Tropicali e Subtropicali

 

Perchè piace tanto il Tango Milonguero? Perchè la sua filosofia è profonda come il mare e preziosa come il corallo, e come il colore delle grandi barriere coralline, così anche il vero spirito del Tango e dei suoi Viejos Milongueros deve essere difeso dal rischio di scomparire.

Fabiola Fani, dott.ssa in Scienze Biologiche

L’unione fra elemento maschile e femminile è la danza più antica del mondo. In un cosmo concepito come costante equilibrio di yin e yang, anche l’uomo e la donna seguono il medesimo ritmo: una differenza necessaria al tutto. Solamente questa alchimia rende possibile le molteplici forme della realtà.

Questa necessaria dualità è espressa con forza passionale nel Tango Apilado: lo yin e lo yang uniti esprimono la necessità di un abbraccio, di non rimanere separati e soli, di restare uniti e stretti per camminare insieme lungo le strade della vita.

Leggere il Tango Apilado attraverso la via del Tao è un viaggio alla scoperta di noi stessi e del legame profondo che ci unisce al nostro partner.

Con il Tango si apprende la “danza della vita”.

Laura Berni, dott.ssa conservazione materiale librario

Libri di Tango in italiano.