Il tango è una storia d’amore… e non una rosa in bocca

copert_2ed_storia_fronte_web

Pier Aldo Vignazia

Versione Italiana

compera in formato epub
compera in formato Amazon Kindle

compera il libro stampato: $22.00 +5.00 Spedizione in Italia:
contattaceci per spedizioni fuori dall’Italia
o per altre modalita’ di pagamento

Un aneddoto racconta che ogni vero macho argentino spera sempre, in cuor suo, che la moglie lo tradisca, per poter finalmente cantare un tango con tutto il sentimento che necessita… E’ l’ironia che ti dà quel tanto di distacco, che ti permette di gustare tutte le sfumature di musiche e versi che, presi con troppa serietà, sfocerebbero nel kitsch.
Pier Aldo Vignazia di ironia ne ha da vendere facendo, guarda caso, il disegnatore satirico. E lo fa su una rivista che si chiama Famiglia Cristiana… Adesso scopro che, oltre al disegno satirico, con Vignazia ho in comune anche la passione per il tango argentino.
Questo libro può esservi utile per iniziare un bel percorso, per incontrare una cultura troppo spesso oscurata dai meccanismi commerciali internazionali, che prediligono la pur grandissima musica e poesia nord-americana. Vi sarà di aiuto a togliervi dalla mente una serie di luoghi comuni che, da Rodolfo Valentino in poi, hanno dato versioni molto lontane dal vero spirito del tango.
Sergio Staino

Pier Aldo Vignazia, vignettista satirico (Satyricon, Cuore, Linus, Il Piccolo, Il Gazzettino, L’Adige, Il Corriere delle Alpi, Famiglia Cristiana), corsivista, scrittore. Ama il tango, avendolo incontrato “dopo averlo cercato per una vita”, sulle tracce dei primi tanghi ascoltati da piccolo dalla chitarra del padre, marinaio a Buenos Aires negli anni ’30.
Soprattutto in Italia, da oltre un secolo si vede un tango a volte caricaturale, con contorno di musiche da banda di pompieri in gita sociale, e di attempati ballerini intenti a provare la robustezza delle loro dentiere con il “tiro della rosa”, evidente versione indoor dello strapaesano tiro della fune. Questo libro vorrebbe aiutare gli Italiani a capire l’autentico mondo emozionale del tango argentino; e magari far loro venire la voglia di andarlo a scoprire nel suo Paese d’origine: scopriremo una nazione che non è solo bistecche, “bond” e calciatori famosi.
Pier Aldo Vignazia, già insegnante di lettere e istruttore di alpinismo, vignettista satirico su Satyricon, Cuore, Linus, L’Adige, Il Piccolo, Il Gazzettino, Il Corriere delle Alpi, Famiglia Cristiana (dove tiene la rubrica “Agrodolce”), corsivista, scrittore (racconti a carattere alpinistico e il libro “La Montan’aria”, Mazzanti, 2000).
Ama il tango, avendolo incontrato “dopo averlo cercato per una vita”, sulle tracce dei primi tanghi ascoltati da piccolo dalla chitarra del padre, marinaio a Buenos Aires negli anni ’30. E’ fra i fondatori dell’Associazione “Dolomitango” e di “FAITango!”, Federazione delle Associazioni di Tango Argentino. Scrive sulla rivista on-line “Argentango”, e un suo intervento arricchisce il libro “Tangologia 2”. Per la sua appassionata conoscenza della musica del tango è apprezzato come “musicalizador” (d.j.).

Libri di Tango in italiano.