Il Ritmo Rsso Del Tango – Angelo Fornaro

Ines, un’affascinante donna Argentina emigra nella bellissima città di Trieste grazie a suo cugino Fabricio. Ines scopre che suo cugino è un uomo violento, psicopatico e senza scrupoli a capo del traffico internazionale di droga, prostituzione e compravendita di bambini. La sua dignità è calpestata quando l’uomo la stupra seviziandola e obbligandola a prostituirsi anche con persone ricche e potenti. Visto la crisi di lavoro Ines accetta di prostituirsi. La sua tecnica sessuale a passi di tango e musica diventa una miniera per suo cugino sfruttatore. Il suo unico rifugio morale che accende la sua allegria, è il Tango Argentino ed il suo strumento musicale, il Bandoneón che lei sa suonare come pochi. Chi balla tango sa che l’inganno può colpire in ogni momento, un po’ per placare la coscienza traumatizzante, un po’ per evadere dalla vita rancida come la morte. Ma non basta, la violenza psicologia e fisica, diventa sempre più crudele e asfissiante. Un giorno tra i suoi clienti, incontra il giovane Dario con il quale s’instaura un rapporto di amicizia e in breve tempo i due si innamorano. Dario per amore riesce a estrapolare Ines dal mondo della prostituzione rischiando la propria vita. Infatti, Fabricio ed i suoi adepti renderanno la vita dei due innamorati, un inferno quotidiano. Ines e Claudio dopo vari attentati subiti per mano del cugino violento, scappano sull’isola di Bled simulando dei tour turistici che li riportano sempre al punto di partenza per raggirare le ricerche del malvagio Fabricio che però non si fa trarre in inganno. Inizia una battaglia violenta tra monti e mari, tra ghiaccio e tormento, dove la vita di Ines, Dario, Fabricio e i suoi servi, può durare un giorno o una vita. Per Ines e Dario la libertà di amarsi avrà un prezzo troppo alto da pagare. Ma anche Fabricio ha il suo Tallone d’Achille… In realtà, questo romanzo non è solo un romanzo Tangueros: indubbiamente gli amanti del genere ne trarranno godimento, ma il lettore attento saprà coglierne diversi spunti di riflessione, a cominciare dal dramma di alcuni genitori stranieri ai quali vengono portati via i figli con pochi euro, fino al tema della corruzione che coinvolge anche il settore della giurisdizione, passando per il tema del potere dei soldi e del sesso in affari. Gli amanti descritti nel romanzo, son degni specchi grotteschi dei vizi non comuni della classe povera, della classe media e alta più torva e viziosa. Un altro aspetto interessante che contraddistingue il romanzo dagli altri che appartengono allo stesso genere è rappresentato dal fatto che l’autore lascia spazio anche al sentimento sincero e incondizionato, all’affetto profondo che lega una donna ad un ragazzo più giovane di lei, all’amore che continua a vincere anche se muore in una società dominata dal materialismo e dall’individualismo. Il finale, imprevedibile e sconvolgente, si rivela attraverso scene di intensa e terrificante suspense per arrivare ad una conclusione misteriosa e malinconica che permette al lettore di dare sfogo alla propria immaginazione e ad un’attenta riflessione. PS: L’oscenità e la zotichezza di certi termini spesso impiegati dal romanziere si limitano a dipingere un mondo reale, spesso difficoltoso, scioccante, che deriva da una serie di problemi sociali. Le brutte parole, le offese, il sesso insulso e perverso, o le imprecazioni non hanno il fine di allontanare dalla lettura del suo testo il lettore attento all’eticità o protettore della religiosità, ma è funzionale a rendere al meglio la situazione di privazioni, sofferenza, di disunione della protagonista Ines e di traviamento e potere violento di suo cugino Fabricio autentico squilibrato criminale. Comunque c’è molto cuore, oltre al corpo, in questo romanzo. Genere: il romanzo è un po’ noir e surreale; un po’ erotico, un po’, splatter; un po’ horror, molto sentimentale e sociale.

Online stores where you can buy the book.

Other books on Tango